New York stories – Empire State Building

Aveva fatto chilometri di strada arrivando finalmente sulla 5th avenue. Sudatissimo, stanco, ansimante, aveva in mente un solo obiettivo: mettere fine alle angosce della giornata, alle delusioni. E voleva farlo alla grande, salendo all’ultimo piano dell’Empire State Building. Avrebbero parlato per sempre di quel ragazzo. Non sapeva però che per salire in alto avrebbe aspettato anche 1 ora e mezza di fila, una fila interminabile che attraversare le viscere del grattacielo. Fila, controlli, fila, ascensore, fila, di nuovo ascensore e fila di nuovo.
Arrivare all’86esimo piano (il main deck) significava pagare 29 dollari. Questo era il prezzo che aveva deciso di pagare per lasciarsi alle spalle la rabbia e i problemi di quel periodo. Arrivò in alto, erano le 9 di sera. Già buio. Il vento soffiava forte lì sopra, ma era maggio e la temperatura non era bassissima. Uscì all’aperto. Il vento rapì i suoi capelli ed anche i suoi pensieri. Si fermò. Aveva sotto di sé milioni di persone, di luci, di macchine e un senso di potere gli attraversò le vene. Era pronto, mai come in quel momento, e d’un tratto, afferrando le grate in acciaio, aprì la bocca tirando fuori in un grido profondo il suo amore per lei: New York.

NB. Per capire cos’è New York stories leggi New York stories 1 IMG_6614IMG_6601mIMG_6607m

Annunci

5 thoughts on “New York stories – Empire State Building

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...