New York stories 3

Arrivò in stazione.
Finalmente faceva ingresso nel Grand Central Terminal, una delle stazioni ferroviarie più grandi del mondo.
Era stato troppe ore in treno e nelle orecchie aveva solo il rumore delle rotaie.
Scese e venne travolto da una massa di erranti.
Tutti correvano, tutti scappavano da un ieri e tutti raggiungevano un dove.
La grande bandiera americana e l’orologio a 4 facce che aveva sempre visto in televisione sovrastavano l’atrio.
Si fermò. Si guardò attorno. Tirò un sospiro e si sentì l’unico uomo senza tempo.
Scese sotto l’atrio principale, il
, il piano dedicato alla gastronomia. Gli avevano detto di non perdere l’enorme varietà di ostriche del famoso Oyster Bar. Non lo fece.

ps. in New York stories i racconti sono inventati ma le location e i riferimenti a cose e luoghi sono assolutamente
veri…Se ancora non sai cos’è”New York stories guarda quiIMG_5911mIMG_5918mIMG_5937m

Annunci

6 thoughts on “New York stories 3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...