Chefchaouen e il suo azzurro

Regione di Tangeri-Tétouan, nel nord del Marocco. A ridosso delle montagne del Rif e a meno di due ore da Tangeri.
Un tempo proibita ai cristiani. Una cittadina bianca e azzurra, come l’azzurro del cielo che la sovrasta d’estate.
Una cittadina “pendente”, per via delle sue piccole viuzze che si inerpicano sulla collina. Negozi di artigianato locale, di babouche, di spezie, di tinture. Un luogo tranquillo, fatto di gente ospitale e serena.
Tahar Ben Jelloun, parlando di Chefchaouen, nel 2000, quindi diversi anni fa, la descriveva così “La cosa che qui mi piace è l’eleganza della modestia: la gente è povera ma dignitosa…”
Io qui sono stata abbracciata dalla mia serenità. E condivido con voi questi miei scatti.IMG_2372mod2IMG_2421modIMG_2382mod2

Annunci

3 thoughts on “Chefchaouen e il suo azzurro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...