La Napoli pezzentella

Se vi è già caduto l’occhio sulle foto di sotto vi anticipo che non sono andata in giro a profanare tombe.
E non mi sono neppure d’un tratto trasformata in amante del lugubre o dell’horror.
Ho semplicemente visitato un posto che mi incuriosiva da tempo, il Cimitero delle Fontanelle di Napoli.
Non sarà certo la scoperta dell’anno ma non credo sia conosciuto a molti.
Migliaia di teschi, ossa, tombe scoperte. Un cimitero (o camposanto, come lo chiamano a Napoli) situato nel rione Sanità. Una vera e propria necropoli all’interno di una cava (l’ingresso è gratuito) che contiene anche ciò che rimane delle tante persone che non potevano permettersi una sepoltura dignitosa. Anime abbandonate, le cosiddette “anime pezzentelle”. A loro dedico la mia simpatia e questo post.IMG_0453modIMG_0462mod

E per sorridere… le parole del grande Totò in una poesia dedicata alla morte, “A’ livella”, strumento per spianare qualsiasi disuguaglianza presente invece nel mondo dei vivi.

“…Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive: nuje simmo serie. Appartenimmo à morte!”

Annunci

6 thoughts on “La Napoli pezzentella

    • Ciao Max, trovo sia un posto “diverso”. Se cerchi su google cimitero delle fontanelle esce fuori tutta la storia di questo luogo, interessante e curiosa nello stesso tempo. Particolare poi la location in cui si trova, con un gioco di luci e ombre che solo una cava può regalare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...